Ultime lettere da Montmartre

 

«QIU MIAOJIN È UNA SCRITTRICE CHE SFIDA OGNI CATEGORIA, E QUESTO LIBRO È IL TESTAMENTO EMOZIONANTE DELLA SUA MENTE ORIGINALE E DEL SUO CUORE APPASSIONATO.»

Sarah Shun-Lien Bynum

 

«INTENSO, BRUTALE E BELLISSIMO. UNA LETTERA D’AMORE E DI ADDIO»

The Rumblr

 

 

0001-4Traduzione dal cinese di Silvia Pozzi

ISBN 9788899066147
176 pagine
€ 14.00

 

A metà tra memoir ed epistolario, un percorso complesso all’interno di un’anima in un caleidoscopio di frammenti di rabbia, risentimento, senso di abbandono, guizzi di genio, letture e visioni, ricordi cristallini e strazianti. Ultime lettere da Montmartre descrive il dolore reale e profondo da cui si può fuggire con il pensiero, con il ricordo, ma non con il corpo.

Il testamento letterario di una delle più fini scrittrici moderniste in lingua cinese e icona della letteratura lesbica.

 

Dov’è possibile acquistare il libro dal 6 ottobre:

jacaLibreria Jaca Book
Via Frua 11, 20146 Milano (Lun/Ven 9,30-19,30)
Info: libreria@jacabook.it – Tel. 02.485615.20

Online: IBS, Amazon
Nelle migliori librerie italiane

 

UN ESTRATTO

 

«La perdono per il male che mi ha fatto, così come la perdono per tutto il “nichilismo” di questi cinque anni e di una vita.

Bisogna solo amarla, volerle bene, accettarla incondizionatamente, perché nel profondo io “so” quanto è meravigliosa, conosco il meraviglioso desiderio custodito dal suo corpo. La meraviglia ancora più grande è che io per lei ho un significato certo, un nome vero, sono un tesoro pulsante di vita, una sorgente di desiderio sigillata. Solo lei può questo e finché vive mi amerà, non importa in quale forma si aprirà a me o manifesterà l’amore…
Ho sempre saputo di avere questa capacità, ma conoscevo solamente il significato e la forma del mio desiderio, e non avevo avuto modo di incontrare qualcuno con cui condividerla, oppure le persone che ho amato non erano in grado di rivelare la propria e neppure di riconoscerla (solo se sei consapevole del tuo desiderio dai modo al partner di conoscerlo). Finalmente Yong mi ha consegnato questo “sapere”, e per me è stata la salvezza. Non c’è gioia più grande che qualcuno possa dare a un altro della consapevolezza del proprio desiderio.
Il mio ricordo di Tokyo sono i ciliegi, il sole al crepuscolo, la luce dalla sua finestra al mattino presto, un corvo che gracchia, un vicolo con le case spente in una notte di pioggia e il suo viso, pieno di sentimento…»

Author: calabuig

Share This Post On